“Miguel però è ubriaco, il caposquadra e chiunque altro se ne accorgerebbero, e quando un uomo è ubriaco, anche se parla con saggezza, perfino con giustizia, le sue parole sono inutili. Anche se il proverbio dice che i matti e gli ubriachi dicono sempre la verità. Anche se il proverbio non è del tutto esatto (nessun proverbio lo è). Anche se ciò che il proverbio significa veramente è che anche i pazzi e gli ubriachi possono dire la verità. Il proverbio, però, è incompleto. Ciò che il proverbio non dice è che la verità può essere detta ed emergere in qualsiasi bocca, ma potrebbe anche non essere ascoltata. O che potrebbe essere addirittura ignorata. Dopotutto, anche la verità può essere una fauna acquatica, un’idilliaca barriera corallina dove i pesci si divorano a vicenda e generalmente il più grande – il più forte – divora il più piccolo, il più debole.” (Edgardo Scott, LUTTO, trad. Alessandro Gianetti, Arkadia)

Voce dai tratti singolari che racconta, nell’incedere abitudinario dei giorni su luoghi che mutano per eternare la decadenza, una storia di solitudine che, nella forma della dignità, nasconde un dolore irrisolto e la fine delle illusioni. Una sorta di resistenza insensata ai crolli. Quella che oggi trionfa.

Prestissimo su Ork!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...