Ogni tanto, Ork atterra. Lo ha fatto ieri per partecipare alla presentazione di “Inri” di Raùl Zurita (traduzione e cura di Amaranta Sbardella), Edicola Ediciones. Lo ha fatto uscendo dalle proprie ansie e imbattendosi in parole che narrano l’opportunità di trasformazione di un’esperienza dolorosa, qualcosa che, pur connotandosi storicamente e geograficamente attraverso le vicende del Cile, in qualche modo le supera per assumere la configurazione, come ha detto Paolo Primavera, di un memoriale immenso, dal respiro universale, da cui si attinge per ricordare, ma anche per rendere onore alla circolarità delle storie che si eternano nell’eredità che sappiamo rinnovare. Alla ricerca di un’etica ancora possibile della parola e della letteratura che la sublima.

Proveremo a raccontarvelo, unitamente all’altra perla illustrata della medesima casa editrice in uno dei prossimi viaggi di Ork.

Paolo Primavera e Lorenzo Mari presentano “Inri”, di Raùl Zurita, a Bologna, presso il Centro Amilcar Cabral.

Le creature di Edicola Ediciones che ospiteremo su Ork.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...